vula_nga_ftts

Le aree nelle quale è possibile attivare una soluzione FTC/FTTS sono in constante aumento, e, di conseguenza, ti sarà capitato (oppure ti capiterà a breve) di ricevere offerte con termini quali VULA oppure NGA.

Ti anticipo che si tratta di diverse modalità di fruizione di un servizio in tecnologia VDSL, architetture con le quali TIM abilita l’accesso ad altri operatori alla propria rete ed alla propria infrastruttura formata da cavi in fibra ottica e da cabinet per l’erogazione del servizio in banda ultra larga.

Nell’articolo ti indicherò le differenze delle varie architetture ed un’applicazione intelligente di queste.

Tralasciamo per un attimo i tecnicismi e partiamo con un perchè…

VULA, NGA o FTTS diretto, perchè la differenza ti interessa?

Perchè i servizi che ti vengono forniti nelle diverse modalità possono essere diversi tra di loro, sia in termini di velocità nominale e garantita che in termini di servizio post assistenza (ed intendo tempistiche in merito alle soluzioni dei guasti).

Vediamo per prima cosa le differenze tra le diverse architetture, partendo dallo schema di un collegamento VDSL o VDSL 2+ di tipo “classico”. (Differenze tra VDSL e VDSL 2+? leggi questo articolo).

FTTS diretto dell’operatore

Oggi in Italia ci sono tre operatori che possono collegare la tua azienda in tecnologia VDSL direttamente alla propria rete:

  • TIM
  • FASTWEB
  • VODAFONE

TIM ha la oggi la maggiore copertura sul territorio, grazie alla rete capillare in rame che viene dalla sua posizione di ex-monopolista.

Fastweb è stata invece la prima società concorrente ad affiancare i propri cabinet a quelli di Telecom, ed oggi ha una copertura diffusa sopratutto nei centri medio-grandi. (Piccola divagazione: Fastweb ha intenzione di sfruttare i propri cabinet per installare le celle dei nuovi servizi mobile 5G).

Anche Vodafone sta progressivamente installando i propri cabinet, ad oggi ha però una copertura diretta inferiore rispetto ai competitors.

Nel migliore dei casi vicino alla tua Azienda avrai una situazione come quella dell’immagine sotto, dove, vicino al cabinet di TIM (quello a destra) c’è il cabinet di Fastweb (al centro) e quello di Vodafone (a sinistra).

VULA

Facciamo un esempio: ti trovi in un’area dove Fastweb ha la propria copertura FTTS diretta, se acquisti da questo operatore un servizio VDSL oppure VDSL2+ il tuo collegamento ad Internet avviene in questo modo:

FTTS schema connessione

In questo primo caso l’unico elemento fornito da TIM è uno “stupido” filo di rame di lunghezza media di 150-250 mt (distanza media tra utente e cabinet), che FASTWEB rende “intelligente” collegandolo ai propri cabinet e rendendolo più o meno veloce a seconda della configurazione desiderata.

Nessun apparato, nessun elemento che rende il link veloce viene fornito da TIM: per questo motivo si parla di “copertura diretta” da parte di FASTWEB.

Gli altri OLO (l’acronimo OLO significa: Other Licensed Operator, ed identifica un operatore TLC alternativo all’ex monopolista), che non hanno Cabinet e rete di proprietà, non possono far altro che affittare l’accesso sui cabinet di TIM ed interconnettere la propria rete in due diverse modalità:

  • VULA (Virtual Unbundling Local Access)
  • NGA (New Generation Access)

Attenzione perchè la differenza tra i due sembra sottile ma in realtà è abbastanza marcata…

VULA: ultimo miglio VDSL

Innanzitutto, quali operatori ricorrono all’architettura VULA per connettere la tua Azienda?

  • Fastweb e Vodafone, nelle zone dove non hanno copertura diretta con i propri cabinet ed infrastruttura.
  • Gli altri OLO.

Ciò che per te conta davvero è sapere dove si trova la rete del tuo provider e quanto quest’ultimo sia “dipendente” dall’infrastruttura di TIM.

Riprendiamo l’esempio di prima, in questo caso la tua Azienda firma un contratto di fornitura con Fastweb in un’area coperta da servizio VULA:VULA schema connessioneCome vedi:

  • Ogni operatore, per accedere all’architettura VULA, deve portare la propria rete in fibra ed installare un proprio apparato presso la centrale TIM.
  • La rete del tuo operatore si trova presso la centrale urbana, che mediamente si trova a circa 2,5 Km dalla tua azienda.
  • TIM non si limita a fornire un cavo di rame “stupido”, ma deve anche trasportare i tuoi dati fino alla propria centrale, dove li consegnerà all’apparato del tuo operatore.

In sostanza, TIM, tramite i propri cabinet rende veloce il link in rame, ma consegna il traffico a FASTWEB sulla centrale di interconnessione, senza trasportare ulteriormente i tuoi dati.

L’importanza di quest’ultimo passaggio potrai capirla meglio conoscendo l’infrastruttura NGA…

NGA: anche più dell’ultimo miglio…

Come puoi immaginare, un OLO, per rilasciare servizi in architettura VULA, pur non dovendo creare una rete diffusa e capillare, deve comunque affrontare una serie di investimenti economici: portare la propria fibra in centrale TIM, installare, interconnettere e gestire gli apparati…., non sempre un OLO può farlo e non in tutte le aree può essere economicamente conveniente.

Esiste in questo caso un terza possibilità, ed è l’architettura NGA, di cui ti indico lo schema:

La grafica indica alcuni aspetti:

  • L’operatore alternativo riceve i dati del proprio cliente non più sulla centrale TIM ma su di un punto di raccolta all’interno dell’area.
  • Le aree di raccolta NGA sono circa una trentina in tutta Italia, il punto di raccolta può anche essere lontano dalla tua Azienda.
  • TIM fornisce rame, trasporto e raccolta per gli operatori alternativi.

Ricapitolando…

  • FTTS diretta: tutti gli elementi che decretano la bontà del servizio sono sotto la responsabilità del tuo operatore (TIM, FASTWEB oppure VODAFONE).
  • VULA: TIM determina la velocità del link VDSL, ma consegna subito il traffico al tuo operatore.
  • NGA: TIM determina la velocità del link VDSL e trasporta i dati sulla propria rete fino al punto di interconnessione con il tuo operatore.

Utilizzando un’interconnessione NGA, qualsiasi operatore, anche il più piccolo, anche quello che non investe nella propria rete, può proporti dei servizi in “fibra”, anche con velocità di tutto rispetto.

Infatti, se stai analizzando una nuova connessione di tipo FTTS per la tua Azienda ti invito a valutare:

Questi aspetti influenzano ciò che veramente interessa alle Aziende, cioè che la propria connessione sia stabile e che i tempo di asssistenza siano rapidi.

VULA ed NGA: ottime soluzioni per il backup.

Ci sono situazioni nelle quali, pur mantenendo un unico operatore, avere due connessioni con instradamenti differenti può essere molto utile per la continuità del servizio: sto parlando del backup della tua connessione principale.

Una buona idea sarebbe avere una connessione Internet principale tramite link FTTS diretto, ed un link di backup con architettura NGA:

FTTS VULA NGA schema backup

Così facendo il link principale è connesso ad apparati di FASTWEB e veicola il tuo traffico Internet; in caso di down del link principale il tutto passa al link secondario che si attiverà a caldo, nelle modalità descritte in questo articolo., sfruttando invece apparati, reti ed instradamenti differenti.

In questa situazione la tua Aziende riesce quindi ad avere massime garanzie di continuità del servizio.

Tutto chiaro?

Per comprendere tutte le varie sfumature di un progetto di connessione fatto su misura per le tue esigenze, non esitare a contattarci!

Da oltre 15 anni aiutiamo le Aziende ad avere il meglio dalla propria connessione Internet, possiamo farlo anche per te!