Top Menu
rete-mobile-5g

La rete mobile 5G è la nuova frontiera della comunicazione, su questo non ci sono dubbi.

Per il carico di novità e per il potenziale cambio delle abitudini di famiglie ed imprese, una rivoluzione simile a quanto avvenuto quindici anni fa con le prime connessioni in fibra ottica.

Nell’approfondire questa nuova tecnologia, ti propongo di partire, come mia abitudine, da una definizione di  Wikipedia:

Nell’ambito della telefonia mobile, con il termine 5G (acronimo di 5th (Fifth) Generation) si indicano le tecnologie e gli standard di quinta generazione successivi a quelli di quarta generazione, che permettono quindi prestazioni e velocità superiori a quelli dell’attuale tecnologia 4G/IMT-Advanced.

Semplice, persino troppo, approfondiamo allora tralasciando gli aspetti più tecnici.

La rete mobile 5g potrà portarci:

  • Velocità fino a 1 Gbps per diversi utenti simultanei
  • Bassissima latenza.

Quest’ultimo aspetto, come ti mostrerò dopo, è di particolare interesse: potrà essere il fattore davvero abilitante di tutta una serie di applicazioni.

Prima però di capire cosa potremo fare con in tasca un device che raggiunge un giga di velocità, vediamo come sono fatte le reti 5G.

Rete Mobile 5G: ecco come è fatta.

L’annuncio dello sviluppo di una nuova rete 5G da parte di Fastweb, ha permesso di capire di più circa i dettagli dell’architettura di una rete mobile 5G.

Perchè proprio Fastweb, operatore fortissimo sulle connessioni wireline ma trascurabile sulla rete mobile, gioca un jolly così pesante?

Per risponderti ti anticipo che la rete mobile 5G è molto meno “mobile” di quanto si possa credere.

Per tre motivi principali:

  • La rete mobile 5G ha bisogno di appoggiarsi ad un rete capillare in fibra ottica per garantire altissime velocità e bassissime latenze.
  • La rete mobile 5G ha un’architettura mista fisso-mobile.
  • Con il 5G potrà cadere in modo definitivo la distinzione tra i due mondi fisso e mobile.

Fastweb è, insieme a TIM, l’operatore che ha maggiormente investito nelle reti in fibra ottica, ed ora può aggiungere a importante asset anche dei servizi mobili a larghissima banda.

Come ? seguimi nel ragionamento…

Su questo blog parlo spesso delle architetture FTTC, nelle quali esiste una rete in fibra ottica che arriva fino ai cabinet di strada, dai quali poi partono delle linee in rame (dette VDSL) che raggiungono la tua casa oppure la tua Azienda. (Maggiori informazioni sulla tecnologia FTTC VDSL ? Vai a questo link…).

La novità è che i cabinet non serviranno più solo come punto di interscambio rame-fibra, ma verranno dotati anche di celle radio per le comunicazioni mobili 5G. (C’è una certa somiglianza con le vecchie reti DECT, che avevano i ripetitori sulle cabine telefoniche…te le ricordi ?)

Le caratteristiche di capillarità di un’architettura FTTC calzano quindi a pennello con quanto richiede una rete mobile 5G per funzionare!

Ricapitolando:

  • La fibra arriva al cabinet
  • Dal cabinet partono delle connessioni VDSL per la connessione di tipo fisso verso case ed uffici.
  • Dal cabinet si irradiano anche segnali radio che porteranno rete ultraveloce ai device mobili.

Ecco il motivo delle performance della rete mobile 5G: la copertura di celle radio sarà capillare ed il device sarà quindi molto vicino alla cella trasmittente, quest’ultima interconnessa direttamente alla fibra ottica.

Rete mobile 5G: e cosa ce ne facciamo?

Come dice l’immagine sotto:

apps beyond imagination

rete-mobile-5g-applicazioni

Tutte le applicazioni che richiedono bassissima latenza e banda ultralarga potranno fare un vero salto di qualità con la rete mobile 5G: telemedicina, domotica, IoT, smart car (con basse latenze potremo parcheggiare o spostare l’auto manovrandola con lo smartphone da remoto…wow!!! mai più multe per divieto di sosta…), comando di droni per consegne a domicilio, gamimg mobile (vedremo per strada una gran quantità di “pazzi” intenti a giocare indossando visori a realtà aumentata?).

Sarà senz’altro divertente scoprirlo… apps beyond imagination vuol dire sopratutto che questa nuova tecnologia scatenerà tutta una serie di nuove applicazioni che oggi non riusciamo neppure ad immaginare.

Rete mobile 5G: primi effetti sulla vita delle aziende.

Non voglio fare troppo il guru o il visionario, ritorniamo alla realtà.

Tralasciando gli aspetti più futuristici e divertenti, credo che nel concreto la rete mobile 5G potrà, nei prossimi anni, introdurre alcune interessanti novità per la tua Azienda:

  • Cadrà finalmente il motivo principale che ci ha finora impedito di sfruttare in pieno le applicazioni VoIP da mobile: la maledetta latenza! (Per funzionare il VoIP ha bisogno di bassi valori di latenza e di jitter...ne ho parlato in questo post…). Quindi via ad una vera Unified Communication anche da mobile!
  • Le tecnologie VDSL raggiungono ad oggi una velocità massima pari a 100 Mbps, Fastweb in alcune zone raggiunge i 300 Mbps. La domanda sorge spontanea: avrà ancora senso farsi portare in Azienda un filo di rame per andare a 300 Mbps, quando dallo stesso cabinet parte un segnale radio che può far raggiungere alla tua Azienda velocità molto maggiori?
  • Le small cells 5G potranno supportare una grande densità di device connessi, nell’ottica di quella che viene chiamata “digital transformation” potrai connettere senza bisogno di cavi fisici praticamente tutti i prodotti che produci, al fine di poterli monitorare e gestire.

Staremo a vedere…

Considerando che questa nuova tecnologia sarà disponibile entro due anni, io sono davvero curioso ed impaziente.

Ci vediamo allora nel 2020! (Ah dimenticavo…i visori per il gaming mobile li porti tu?)

About The Author

Marco Viscardi

Ho venduto la mia prima connessione ad Internet nel 1995 (una sontuosa dial-up a 64 Kbps su linea ISDN). Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia, ma da sempre mi occupo di sviluppare, insieme all’Azienda Cliente, (tipicamente medie-grandi imprese), le migliori soluzioni per ottimizzare le infrastrutture di comunicazione e renderle in linea con le esigenze e gli obiettivi aziendali.

Close