connessione tra sedi

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=Sn4DP&webforms_id=16120704″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]La connessione tra sedi della stessa Azienda, è oggi un’esigenza fondamentale per chi si trova a dover gestire un sempre maggiore flusso di informazioni.

Credevo fosse un’esigenza nata con l’imporsi dell’informatica e delle reti, mi sono quindi sorpreso quando sono venuto a conoscenza di una storia di oltre 100 anni fa.

Connessione tra sedi: il Villaggio Crespi

Poco distante da Milano, ma nella provincia di Bergamo, Cristoforo Benigno Crespi acquistò nel 1878 85 ettari di terra, ispirato da quanto accadeva in Inghilterra dopo la rivoluzione industriale: voleva costruire un cotonificio affiancando un villaggio che ospitasse operai della fabbrica, dirigenti, personale amministrativo e le loro famiglie.

Nacque così il Villaggio Crespi, oggi un posto magico, quasi mistico, patrimonio mondiale dell’Unesco.

Villette e palazzotti composti ognuno con 4 unità abitative, recitate da staccionate basse tutte uguali per delimitare i propri orticelli, oggi sono prati verdi ben curati di privati che hanno comprato gli edifici e vivono nel villaggio consapevoli dell’enorme eredità storica industriale del cotonificio.

Che rapporto ha tutto questo con la connessione tra sedi ?

Te lo spiego tra poco…

Connessione tra sedi: ecco la prima…

Nel 1884 Beniamino Crespi si trasferì da Busto Arsizio a Milano, in pieno centro, in via Borgonuovo, dove stabilì la sede dell’azienda.

Nacque subito una esigenza fondamentale: ricevere aggiornamenti costanti sull’andamento della produzione e sui problemi che si presentavano (infortuni compresi).

Fu così chiesta licenza a Carabinieri e Prefetto di stendere la prima linea telefonica ad uso privato, circa 40 Km di cavo dedicato punto – punto univano il centro di Milano e lo stabilimento in riva all’Adda. (Questo è il motivo per cui, a Crespi D’Adda (BG), c’è ancora oggi il prefisso telefonico di Milano).

Certo, ai tempi non esisteva l’informatica e la “trasmissione dati” era realizzata da un addetto che, cornetta alla mano, riportava, in tempo per nulla reale, le informazioni richieste.

Connessione tra sedi: cosa puoi fare oggi.

Per fortuna oggi, se hai un’Azienda multisede, non sei costretto a chiedere licenze al Prefetto per connettere le tue sedi, ma si tratta comunque di una scelta strategica da ponderare con la massima attenzione.

Le evoluzioni tecnologiche ti consentono di poter connettere le tue sedi aziendali in tre diversi modalità:

  • VPN over Internet: si sfruttano le connessioni ad Internet per creare un canale riservato e sicuro sul quale far passare la comunicazione dati (ma anche voce tramite VoIP) tra le sedi. Questa modalità sfrutta i protocolli IPSec oppure SSL, come trattato in questo post.
  • MPLS: si tratta di una rete che, pur essendo concepita con le stesse modalità di un’accesso ad Internet, crea una connessione privata tra le sedi, il tutto è gestito dal provider che ti offre il servizio. Questo articolo approfondisce le caratteristiche di una connessione tra sedi tramite MPLS.

Se vuoi capire quando è meglio utilizzare una VPN over Internet oppure una connessione MPLS, ti consiglio invece la lettura di questo articolo.

  • Connessioni punto-punto: si tratta di una vera e propria estensione della tua rete realizzata con connessioni punto-punto dedicate. Se sono realizzate in fibra ottica, queste connessioni possono raggiungere anche velocità notevoli (10 Gbps ed oltre). Come un cavo fisico in fibra che parte dalla sede A e raggiunge la sede B!

Ebook gratuito: scegli la migliore offerta internet aziendale

Connessione tra sedi e connessione tra oggetti.

Nel frattempo la storia conta altre 2 rivoluzioni industriali, ma l’esigenza primaria di Beniamino Crespi, collegare una sede in remoto è rimasta invariata.

In questi anni stiamo vivendo e affrontando una nuova rivoluzione industriale, la quarta: la cosiddetta INDUSTRIA 4.0., chiamata anche digitalizzazione dell’impresa.

Rivoluzione contraddistinta da una società connessa a tutti i livelli: dal cosiddetto Internet delle cose (Internet of Things), fino alla robotica.

Dalla manifattura digitale all’intelligenza artificiale, dalle auto a guida autonoma fino ai droni per consegnare i pacchi dal cielo.

Applicazioni rivoluzionarie anche nella sanità (il primo soccorso con possibilità di interventi urgenti eseguibili sul paziente da parte dei medici remoti).

In questo scenario saranno protagoniste non solo le connessioni di tipo wireline ma anche (o sopratutto) le connessioni di tipo wireless, grazie all’imporsi delle reti mobili 5G. (Cosa sono? ne parliamo in questo post).

Quindi?

La tua azienda deve essere connessa in modo sicuro, stabile e dedicato come fece la famiglia Crespi oltre 100 anni fa.

Se non puoi mettere le ruote alla tua azienda e spostarla di 40 km, allora hai bisogno della nostra consulenza!

Contattaci subito che ne parliamo!