Secondo il recente 012 SMB Disaster Preparedness Survey, lo studio fatto da Symantec per capire la preparazione delle PMI in caso di disastro informatico, emerge che il 53 % dei dati sensibili di piccole e medie imprese risiede fuori dai Datacenter, (ovvero su PC), ed il 38 % staziona su device mobili, quali smartphone e tablet.

Siccome stiamo parlando di uno studio effettuato a livello mondiale, non è difficile ipotizzare che, per quanto riguarda le PMI nostrane, il dato sia ancora più alto.

Significa che un parte rilevante dei dati strategici aziendali è sottoposta a scarsissimi controlli e non è soggetta ad alcun backup, se non quelli effettuati per personale iniziativa dell’utente.

Se pensiamo che nel 2013 il mercato dei PC sarà sostanzialmente fermo, mentre la crescita sarà trainata dall’aumento importante di vendite di  smartphone e tablet, la situazione è sicuramente destinata a peggiorare.

Questa situazione porta con se un altro aspetto potenzialmente pericoloso : la proliferazione dei dati, spesso sotto forma di file doppi o di più versioni dello stesso documento, frutto di ripetuti invii di mail con allegati.

L’IT manager deve quindi affrontare alcune nuove sfide :

  • Gestire la salvaguardia dei dati sui PC, che spesso racchiudono informazioni importanti, sopratutto se si tratta di notebook utilizzati da soggetti in mobilità in costante contatto con la clientela, (agenti), oppure dai manager aziendali.
  • Affrontare lo stesso problema nel mondo, abbastanza nuovo, dei device mobili non PC.
  • Gestire, cercando di evitare o limitare, la proliferazione del dato.

Utilizzando, in modo opportuno le tecnologie Cloud oggi disponibili, è possibile affrontare con successo queste sfide :

  • Utilizzando sistemi di cloud backup con funzioni e livello Enterprise, sistemi che permettono all’IT Manager di automatizzare il backup di PC e device iOS o Android.
  • Affidandosi a sistemi di Mail & Collaboration, quali ad esempio l’accoppiata Gmail/Drive oppure Zimbra. Le funzioni basilari di questi sistemi permettono di condividere i documenti sul Cloud anzichè inviarli via mail, gestendo quindi il versioning dei file.
[contact-form-7 404 "Not Found"]