virtual desktop daas

Per parlarti di tecnologie di Virtual Desktop non posso che partire con un parallelo con la virtualizzazione dei server fisici.

Quest’ultima è ormai da tempo uno standard “de facto” nella quasi totalità delle aziende di ogni ordine e dimensione, per gli enormi vantaggi in termini di ottimizzazione delle risorse hardware e di business continuity che comporta.

Tutto lascia pensare che sorte analoga possa presto toccare anche ai PC, essendo sempre di più le Aziende che hanno smesso di acquistare desktop fisici per orientarsi verso la virtualizzazione del PC.

Wikipedia definisce così la tecnologia Virtual desktop :

La virtualizzazione del desktop, è un tipo di tecnologia che consente di realizzare ambienti desktop che i singoli utenti di una rete aziendale possono visualizzare sul proprio client (un computer o un tablet), senza che le risorse a cui essi fanno riferimento (file, immagini, programmi, driver, preferenze) siano fisicamente presenti sul client stesso.

Quello che forse non sai è che, grazie al passaggio ai sistemi di Virtual Desktop farai del bene al conto economico della tua Azienda.

Come ? te lo spiego più avanti nel post!

Queste tecnologie convengono sempre ? No, l’introduzione di nuove tecnologie all’interno dell’Azienda deve essere vagliata con attenzione, e di seguito proverò a ragionare sui principali campi di applicazione : quelli che permettono di massimizzare il ritorno dell’investimento.

Perchè dovresti continuare a leggere questo articolo ? Perchè i PC costano troppo alla tua organizzazione, ed adesso ti spiego il motivo…

I PC ? costano troppo!

Ma come … il loro prezzo continua a scendere !

Vero, ma il loro TCO continua a salire.

Nel calcolo del TCO (Total Cost of Ownership), come di certo sai, ci devi mettere (butto lì qualche voce, la lista è veramente lunga…) :

  • La gestione dei backup (il backup dei Client… questo sconosciuto!)
  • Il pericolo dei virus, ramsoware ed altro, ed il tempo impiegato per il loro ripristino.
  • La perdita di files.
  • Software illegale, non autorizzato, oppure file personali (foto, video degli utenti nei PC aziendali).
  • Le rotture fisiche (quanto ti costa una persona che sostituisce gli hard disk ?)
  • La gestione degli aggiornamenti.
  • Il furto del PC ed il relativo pericolo di sottrazione di files riservati.
  • I costi finanziari relativi all’acquisto.
  • ….

Ecco un interessante analisi di NEC (scarica qui il report completo), che riassume i costi annuali di soluzioni VDI/DaaS comparati a soluzioni desktop standard con Windows 7 :

Quindi, ho delle buone notizie per te :

  • Una soluzione DaaS può farti risparmiare fino al 36 % dei costi di mantenimento di un normale PC
  • Una soluzione DaaS può costarti fino al 20 % in meno di una soluzione VDI.

Qual’è la differenza tra DaaS e VDI ? te lo spiego ora…

Virtual Desktop : VDI vs DaaS

Ecco un chiarimento circa le sigle VDI e Daas :

  • VDI (Virtual Desktop Infrastructure): intendiamo un’infrastruttura “costruita” nel tuo Datacenter. Per erogare quindi i servizi di Virtual Desktop ai tuoi utenti, dovrai, oltre ad installare il servizio VDI con relativo hypervisor, installare server fisici e storage. Dovrai preoccuparti direttamente della gestione oppure pagare qualcuno che lo faccia al posto tuo. Se vogliamo essere precisi, come descritto in questo articolo, non si parla di Cloud al 100%.
  • DaaS (Desktop As A Service) : soluzione che invece prevede invece che il tutto “giri” su datacenter remoti. In questo caso dovrai preoccuparti solamente della configurazione del client e del software aggiuntivo: server, storage e tutto il resto non sono più un problema tuo. Come avrai senz’altro capito, essendoci il suffisso -aaS, stiamo parlando di Cloud e della possibilità di pagare il servizio a canone, senza investimenti iniziali. I servizi DaaS sono proposti da diversi player sul mercato, in ambito nazionale posso citare Fast Cloud di Fastweb, oppure, in ambito internazionale, Amazon Workspace di AWS.

Questa immagine è perfetta per una comparazione :

Come detto il PC perde in questo modo i propri connotati di elemento fisico e diventa nient’altro un servizio che puoi mettere a disposizione dei tuoi utenti, e, nel caso di servizi DaaS, un servizio che il Cloud Provider può offrire ai propri clienti, con modalità di erogazione e di fatturazione tipiche di un concetto “as a service”.

Virtual Desktop : persistente o non persistente ?

Sfruttando quindi i sistemi di Virtual Desktop , siano essi VDI oppure DaaS, potrai creare una copia virtuale di un qualsiasi PC, e potrai definire come configurare questo PC virtuale (sistema operativo, suite di produttività, browser e tutto quel che può servire ai tuoi utenti).

Una volta definita una copia “master”, detta anche “Gold Image” sarà poi possibile replicare diverse volte questa copia.

Ai tuoi utenti basta un comune browser per accedere al proprio PC virtuale : dal punto di vista fisico un qualsiasi PC desktop o hardware più “leggeri”, come Thin Client, o addirittura device mobili.

Ovviamente puoi creare diversi template standard di PC virtuali : ci sarà una gold image per chi ha incarichi amministrativi, una per i progettisti, un’altra ancora per chi usa i notebook in mobilità.

A questo punto potrai decidere se rendere “persistente” o meno questa immagine :

  • Non persistente : alla fine di ogni utilizzo verranno resettate tutte le modifiche apportate dall’utente sul proprio PC virtuale e verranno cancellati i file salvati. (Modalità “Chiosco”).
  • Persistente : Alla fine di ogni sessione verrà salvato tutto quanto, come avviene ora nei normali PC.
  • Dinamico : la classica via di mezzo, come indicato nell’immagine sotto :

 

virtual desktop

I vantaggi per la tua Azienda.

Immagina di avere la possibilità di gestire centralmente tutti i PC della tua azienda :

  • I file non sono più salvati in locale, ma nello storage gestito dai sistemi di Virtual Desktop (siano essi nel tuo Datacenter o presso il Cloud Provider); Tranquillo…il tuo CEO non ti chiamerà più alle 8 di sera perchè non trova più quella relazione (urgentissima ovviamente) che aveva salvato sul desktop del PC.
  • Gestirai centralmente tutti i backup, e tutti i file degli utenti saranno al sicuro. (Anche la presentazione del tuo CEO…).
  • Gli aggiornamenti non saranno più un’attività lunga e costosa, potrai aggiornare solo la Gold Image ed i tuoi utenti avranno sempre sistemi aggiornati e messi in sicurezza.

Inoltre :

  • In caso di furto del notebook, ti verrà sottratto solo un pezzo di ferro che non contiene files ed informazioni riservate.
  • Visualizzare una copia virtuale del tuo PC anche da tablet, può aumentare la fruibilità delle informazioni senza inutili duplicazioni.

Allora, conviene sempre ?

Come tutte le cose ci sono situazioni nelle quali c’è maggiore convenienza ed altre nelle quali è più limitata, nel prossimo paragrafo vediamo le aree di applicazioni nelle quali l’adozione di queste soluzioni può veramente fare la differenza.

Principali campi di applicazione dei PC virtuali.

L’utilizzo di queste soluzioni potrà darti particolari vantaggi se ti trovi in una di queste situazioni :

  • Azienda multisede : più la tua Azienda è diffusa sul territorio e più amerai il Virtual Desktop. Negozi, catene in franchising, agenzie : più il numero delle sedi aumenta e più le sedi sono piccole e maggiori sono i vantaggi di una gestione centralizzata di cui si parlava prima.
  • PC riservato ad operatore di Customer Care : per questo tipo di utenti, il PC deve essere nient’altro che un “elettrodomestico” che si connette ai sitemi, al CRM e poco altro. Possono tranquillamente usare un Thin Client in modalità chiosco!
  • Telelavoro (o come lo chiamiamo oggi, “smart working”) : basta una connessione Internet decente e potrai riservare un’apposita Gold image ai tuoi utenti telelavoratori. Se la tua azienda si avvale di freelance, questi potranno anche usare il loro PC fisico personale sul quale visualizzare una copia virtuale di un tuo PC aziendale: ogni modifica verrà salvata sui server aziendali e non resterà nulla sul PC remoto.
  • PC vecchi : se hai in Azienda diversi PC prossimi all’obsolescenza, potranno godere di nuova vita : basta che possa girare Linux ed un browser per poter utilizzare i servizi di desktop virtuale. Quando il vecchio PC diventa proprio inutilizzabile, lo potrai sostituire con  un Thin Client, dal costo di acquisto e di gestione più basso rispetto ad un comune PC.
  • Utenti in mobilità: se la tua Azienda ha agenti e/o parecchio personale in mobilità, vale quanto detto per i teleworkers : massima sicurezza e gestione centralizzata dei PC virtuali possono fare la differenza. I vantaggi per l’utente in mobilità sono quindi molteplici: potrà accedere alle stesse informazioni, interfaccia ed applicazioni che usa in ufficio, anche dal proprio tablet oppure da postazioni fisse presso gli aeroporti o Internet Cafè.

Tutto ciò non sarebbe possibile senza la connessione, Internet o privata che sia, ma di questo parliamo nel prossimo paragrafo…

Tutto bello…, ma la connessione ?

In Italia queste tecnologie non si affermeranno mai, le connessioni ad Internet sono troppo scarse

La mia zona non è servita dalla fibra, il Cloud non lo posso utilizzare, figuriamoci il Virtual desktop…

Ho sentito le frasi sopra decine di volte, e la ragione è che se parliamo di DaaS la connettività non è un’opzione.

Tieni però presente che una sessione Virtual Desktop occupa circa 50 Kbps di banda: significa che un qualsiasi utente in mobilità dotato di connessione 3G oppure LTE potrà utilizzare i servizi di Virtual Desktop. (Per chiarire meglio questo aspetto ho creato una video demo nella quale simulo il comportamento di un utente comune mentre usa un servizio DaaS: la trovi a quest link)

Per i teleworkers, una ADSL di casa può quindi supportare egregiamente questa tecnologia.

Ed in azienda ?

Il calcolo è semplice : se hai 30 PC virtuali, avrai bisogno di una connessione dedicata allo scopo di almeno 1,5-2 Mbps garantiti, quindi valori non certo astronomici, la cosa importante è utilizzare servizi che garantiscano livelli di servizio garantiti (SLA).

Per migliorare le prestazioni e la sicurezza del collegamento, potrai sempre optare per un collegamento di tipo MPLS tra la tua Azienda ed il Datacenter (se vuoi approfondire le caratteristiche di MPLS, ti consiglio questo articolo).

Se la tua Azienda ha dimensioni limitate, potrai sfruttare le tecnologie EVDSL, che consentono di avere molta banda a disposizione a costi limitati.

Quindi anche se nella tua zona non c’è la possibilità di avere fibra dedicata a costi abbordabili, potrai comunque accedere ai servizi Cloud e di Virtual Desktop. (Questo articolo confronta prezzo e prestazioni delle diverse soluzioni di connessioni aziendali)

L’aspetto importante è quindi l’affidabilità della connessione, e lo potrai ottenere ad esempio con due connessioni separate, una con cavo fisico , l’altra con connessioni di tipo wireless (Maggiori info su queste configurazioni a questo articolo).

Ti è piaciuto questo articolo ?

Se ti è piaciuto, ti chiedo solo un piccolo sforzo : condividere questo post sui tuoi social preferiti tramite i bottoni che vedi sotto, non ti costa nulla ma mi aiuteresti parecchio a diffonderlo!

Se poi vuoi contattarmi per approfondire queste tecnologie, puoi farlo qui.

Grazie.